La Casa di Accoglienza delle Donne Maltrattate di Milano (CADMI) è il primo Centro Antiviolenza nato in Italia, nel 1986, all’interno dell’UDI (Unione Donne in Italia). Da allora, la violenza maschile contro le donne ha iniziato a essere vista e affrontata.

Da allora rappresenta il punto di riferimento per le donne che subiscono violenza, sia essa fisica, psicologica, sessuale, economica o stalking.

Accoglienza, solidarietà tra donne e ascolto sono le basi dell’azione che CADMI esercita al fianco delle donne che chiamano per parlare della loro esperienza e per valutare percorsi di uscita dalla violenza. Nel corso degli anni, il lavoro di CADMI ha messo in luce, analizzato e affrontato il fenomeno della violenza maschile da parte di mariti, conviventi, fidanzati e altri familiari.

Dal 1986 ad oggi il Centro ha affiancato oltre 30 mila donne in difficoltà. Dal 1991, con l’apertura della prima casa segreta, ha seguito oltre 600 progetti di ospitalità per donne in stato di pericolo.

Il nostro centro è aperto a tutte le donne, indipendentemente dalla loro cittadinanza, etnia, orientamento sessuale ed identità di genere.